mercoledì 5 marzo 2014

A Mario Lodi

Per ricordare e per imparare...

I: E al maestro di oggi cosa suggerirebbe? 
M.L.: "Possedere un cuore, che è un motore potente. E poi attaccarsi al bambino, seguirlo con dedizione, riuscire a scrutarne i talenti nascosti. Senza mai dimenticare che il compito della scuola è trasformare un gregge passivo in un popolo di cittadini pensanti".

Per leggere l'intero articolo, clicca su "Sognavo una scuola libera..."